Solo l’amore, solo l’amante vive.

Cocci aguzzi e dolci istanti
Stridono tremando.
Appuntite e ripide cadute
Seguono veraci voli.

Canta il mirto nel dolce calore
Notturno della selva
Grida disperato l’uomo penoso
Mentre membra tira alla ricerca
Tace la pioggia forestiera
E di silenzio padrona
Brucia la steppa domina
D’ugual forma e lentamente sola
Arde la folle di agognata
E rara gioia.

Un ritratto, un paesaggio
Esattamente distratto e si,
Conciso, unito.
Unità negli opposti.

Solo l’amore, solo l’amante
Vive. Non chi odia,
Non chi si dispera.

(Giorgio Pesti)

Annunci

4 comments

  1. Gli amanti che risplendono di vita come risplende di vita la foresta.. non so, mi ha fatto ritornare in mente il panismo dannunziano e quella splendida poesia: la pioggia nel pineto.
    Queste parole, queste immagini, mi hanno aperto il cuore, calde come un abbraccio. Splendida.

    Mi piace

  2. Vibra l’animo di chi ama fra cime d’assoluta estasi e cavità di ansiosa disperazione… bellissimo testo, condivido appieno ogni singola sfumatura di questo dipinto in parole. Complimenti!

    Mi piace

  3. Vive (e sopravvive) solo chi sa amare la vita, non il singolo, o meglio, chi sa vedere nel singolo amato tutto l’universo che sta dentro di lui, quindi nell’amare un singolo sta amando il cosmo intero. Se si ama il singolo nella sua finitezza, unicità ed esclusività si rischia sempre di dimenticare sé stessi, e alla lunga se ne risente. Ognuno dovrebbe amare il tutto nel singolo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...