E risposare, si.

Ho voglia di posarmi su erbe
Dolcemente al buio.
Tra frasche di qualche albero
Ripulito dalla pioggia.
Assaporare l’aria pulita
E bagnata, odorosa e fresca.

Ispirare di fredde
Notti la culla gelata,
Vibranti stelle.
Dormire all’ombra
D’eterni lumini, mille.

E riposare, si.

(Giorgio Pesti)

Annunci

2 comments

  1. Buona sera Giorgio spero che tu mi conceda questa forma di familiarità virtuale cui io, a dir la verità, ho impiegato anni ad abituarmi: Non ci conosciamo personalmente, ho solo letto alcuni di tuoi testi qui giunto seguendo il solito filo che ci unisce tutti nel web.
    Non credo all’umiltà della poesia e nemmeno a quella dei poeti, la poesia necessita di un attimo di fede, arroganza personale, introspezione, fede spropositata nelll comunicazione e nei propri mezzi. Senza questa fede non si scrive decentemente ne in versi ne in prosa. Poi quel momento passa, cala la tensione e si torna dormire il sonno del mediocre quotidiano con quella strana vigilanza che rende il poeta un essere speciale. Tu a parer mio lo sei.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...