Febbraio

Febbraio immobile
Non si schioda dalle porte marce
Del nostro secolo
Nuovo.

Sulfuree viste
All’orizzonte si distendono
Celandoci umani
L’uomo.

Le nostre penose
Angosce, le vite, sottigliezze
Rimaniamo ora
Soli.

Cosa mai ci resta?
Oh miei possessori accaniti!
Nulla.
Null’altro che uno spezzato d’immagini e frantumi.

(Giorgio Pesti)

Annunci

4 comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...